Ospedale veterinario, come funziona e come si lavora in questo ambiente

ospedale veterinario

Anche se ci auguriamo che non debba servire mai, conoscere l’ospedale veterinario più vicino a casa propria è importantissimo per chi ha dei pet. Infatti queste strutture, che non sono convenzionate con il Sistema Sanitario Nazionale, sono solitamente aperte 24 ore su 24 e tutti i giorni dell’anno. Possono essere preziose in caso di urgenze, incidenti o problemi non rimandabili.

Il lavoro di un ospedale veterinario è suddiviso tra veterinari e infermieri, così come nelle strutture che si occupano degli umani. Va ricordato, infatti, che se i medici sono in grado di effettuare interventi d’urgenza e prescrivere farmaci ai pet, anche gli infermieri sono figure indispensabili in queste strutture.

Come si ottiene lavoro in un ospedale veterinario

A lavorare all’interno di queste strutture troverai solitamente:

  • personale medico veterinario generale;
  • veterinari specializzati in ambiti come l’oculistica o la dermatologia;
  • infermieri abilitati all’esercizio della professione.

Possono essere presenti anche impiegati amministrativi, che gestiscono il lavoro all’interno dell’ospedale veterinario e, in alcuni casi, volontari che danno una mano a curare i pet e rassicurare i loro padroni. Per ottenere lavoro in queste strutture è necessario avere l’abilitazione, nel caso dei professionisti sanitari; oppure semplicemente fare domanda quando ci sono delle posizioni aperte per personale di segreteria e altre mansioni.

L’ospedale veterinario di solito è una struttura privata, che stabilisce regole proprie in quanto a orari, costi e specialisti a disposizione. Richiede in genere un pagamento per le prestazioni e ha un sistema di codici (come il pronto soccorso degli ospedali umani) per garantire un accesso più veloce ai pet che si trovano ad affrontare un’emergenza grave.

Ospedale veterinario universitario, come funziona

Chi studia per ottenere una laurea in veterinaria o in infermieristica può avere a che fare con l’ospedale veterinario universitario già durante il percorso di studi. Qui si svolgono attività pratiche, laboratori didattici e anche tirocini curriculari. Gli studenti e le studentesse imparano in prima persona ad affrontare le emergenze, a coadiuvare i medici più esperti e, con il tempo, ad effettuare visite e interventi in autonomia.

Si tratta di strutture estremamente importanti nel tessuto sociale della città in cui si trovano. Da un lato, l’ospedale veterinario universitario funge da punto di riferimento per i pet owners della zona, che sanno di trovare personale qualificato e macchinari adatti alla cura dei loro animali domestici. Dall’altro, gli studenti e le studentesse si formano in maniera più completa, mettendo in pratica le loro conoscenze fin da subito.

La novità di un ospedale veterinario gratuito: dove e quando

A Roma è stato lanciato il progetto del primo ospedale veterinario gratuito d’Italia. Con il sostegno del sindaco della Capitale, Roberto Gualtieri, si è dato il via ai lavori per la sua realizzazione con termine ultimo il 2024. Per quell’anno i veterinari avranno la possibilità di effettuare interventi, eseguire esami diagnostici e affrontare emergenze 24 ore su 24 in maniera totalmente gratuita.

L’ospedale veterinario gratuito di via Magliana sarà, speriamo, solo il primo di una lunga serie di servizi gratuiti dedicati ai pet owner. Famiglie e single che non possono pagare l’intervento del veterinario non dovranno rinunciare a curare i loro animali domestici né ad avere per loro la migliore qualità di assistenza, interventi e visite di follow-up totalmente gratuite.

Quali veterinari operano negli ospedali?

Sia le strutture private che quelle pubbliche come il primo ospedale veterinario gratuito sono ottime palestre per affinare le doti di medici e infermieri che curano con passione gli animali domestici. Basti pensare che il progetto romano è partito proprio da un’associazione di veterinari, desiderosi di erogare le proprie cure ai pet anche quando le famiglie non possono permettersi grosse spese.

In generale, a lavorare nel pronto soccorso e nell’ospedale veterinario sono tutti i medici abilitati alla professione e gli infermieri che vogliono specializzarsi in quest’area di cura. Chi ha un animale domestico non dovrà temere: all’interno degli ospedali, universitari e non, troverà personale qualificato e amanti degli animali.

Veterly, l’app per la cura dei tuoi animali

Articoli correlati

CBD uso veterinario
Veterinari

CBD a uso veterinario, di cosa si tratta

L’utilizzo della cosiddetta “cannabis terapeutica” è sempre più diffuso per trattare patologie croniche e problemi di salute degli umani. L’applicazione del CBD a uso veterinario